Palisman

Copertina scatola Palisman

Palisman nasce dall’incontro di due passioni: i giochi da tavolo e la nostra città, Palermo.

Affascinati dal gioco di Talisman, dopo l’ennesima sessione in ludoteca, il delirio dell’immaginazione prende il sopravvento, e lì l’illuminazione: e se anziché percorrere le caselle di un tabellone ambientato in un luogo immaginario, i giocatori si aggirassero per la città di Palermo?

Da lì in poi è stato un vortice di invenzioni.

Le zone del tabellone - Palisman

La prima fase è stata il riadattamento della mappa della città.
Dopo aver scelto i quartieri da inserire, abbiamo diviso il tabellone in tre zone concentriche:

  • la periferia;
  • la zona a traffico limitato;
  • il centro storico.

Il resto è venuto fuori di conseguenza.

Andando alla realizzazione pratica, abbiamo disegnato e dipinto a mano le caselle del tabellone al doppio delle dimensioni finali.

Unendo le immagini al computer con software di fotoritocco, abbiamo ottenuto il tabellone finale, che abbiamo stampato su cartone rivestito a mano.

Il tabellone ultimato
Personaggi Palisman

I personaggi che si aggirano per Palermo sono quelli che si potrebbero trovare in qualsiasi città: l’universitario, la guida turistica, il medico, il tecnico informatico…

Ma ce ne sono di tipici del luogo, come lo “stigghiolaro” (il venditore di interiora di manzo, le “stigghiola”, tipiche specialità palermitane) o l’ “arrotino” (il venditore ambulante che ripara e vende attrezzi casalinghi).

L’obiettivo del gioco è “raggiungere la Sala d’Ercole a Palazzo dei Normanni per diventare il nuovo Sindaco di Palermo”.
Quella che nel gioco originale era la magia è stata sostituita dalla Tecnologia: al posto di incantesimi e manufatti magici, si sono messi a disposizione dei giocatori smartphone e hoverboard.

Carte, monete e personaggi - Palisman

Avendo tolto la possibilità di morire durante il gioco, si può solo andare in galera, perdendo tutta la Reputazione.

Di conseguenza, per proteggerla, si è rivelato necessario inserire le carte delle “raccomandazioni”, in grado di evitare perdite indiscriminate di onorabilità cittadina.

Segnalini e carte - Palisman

A fianco della Reputazione, le altre due capacità dei personaggi sono “Possanza” e “Intelletto”.

I nemici che si possono incontrare per strada sono dei più disparati: dalle forze dell’ordine, agli impiegati d’ufficio, a capi-cosca mafiosi fino a semplici animali randagi.

Carte Personaggi - Palisman

Abbiamo realizzato al computer tutte le carte da gioco e il manuale d’istruzioni, prendendo da internet illustrazioni che descrivessero bene i testi che avevamo scritto.

Spesso, abbiamo attinto a classici della cinematografia, che, meglio di altre immagini generiche, erano azzeccate per rappresentare l’ambientazione ironica che avevamo inventato.

Palisman Concept

Lo stile grafico del gioco trae ispirazione da un’arte tipica della nostra città, quella araba fatimita.

La stessa “Coccarda della Trinacria”, l’oggetto necessario per accedere nell’ultima casella del tabellone, risente di questa scelta stilistica.

Non rimaneva che dare un nome a questa nuova versione di Talisman: niente è sembrato più azzeccato di “Palisman”, che riuniva le iniziali del nome della nostra città mantenendo la riconoscibile assonanza con Talisman. (Da qui la moneta usata nel gioco: il Palis).